Our Recent Posts

October 18, 2020

October 4, 2020

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

BICCHIERE MEZZO PIENO O MEZZO VUOTO?

January 20, 2019

 

Se vedi sempre il bicchiere mezzo vuoto o pensi che nel bicchiere non ci sia proprio mai stata acqua e magari che neanche esista un bicchiere da riempire, allora questo post è dedicato a te....mio caro pessimista patologico!!! 

Ma non temere....le buone notizie sono che 1) non sei solo...il mondo è pieno di musoni che si aggirano con la loro personale nuvola grigia di Fantozzi sopra la testa e 2) esiste una cura!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il pessimismo è la malattia del secolo, una grave epidemia che contagia giovani e adulti e che porta a vedere il mondo non a colori ma in scala di grigi, sempre tendenti al nero (ed ahimè non sono le 50 sfumature!!!!). I pessimisti patologici  sono convinti di avere contro un destino malvagio e crudele, che si diverte a tormentarli giorno dopo giorno, impedendo loro di vivere una vita felice. E non solo il destino, ma proprio tutto il mondo ce l’ha con loro, come se una segretissima congiura si fosse creata apposta per rovinare loro la vita.

Il loro hobby preferito e irrinunciabile è il perenne lamento che consiste nel lagnarsi sempre di tutto, dai dolori fisici (che per loro sono particolarmente accentuati e persistenti e rigorosamente sempre più forti dei tuoi, che quindi non puoi capire) ai malesseri psicologici (quando sono depressi negano di esserlo e lo affermano quando non lo sono, naturalmente dopo aver spulciato Google alla ricerca dei sintomi psicosomatici delle loro fantomatiche patologie mentali), dalle avversità della vita (che capitano sempre tutte a loro!) alle avversità umane (altro che Schettino o Hitler, i veri nemici pubblici sono solo e solamente loro!).

 

 

Come avrete capito anche da soli, la maggior parte dei pessimisti patologici sono estremamente egocentrici...Vivono al buio, brancolano senza vedere dove vanno...qualunque cosa tu possa dire loro per aiutarli a togliersi i paraocchi  (che le persone non sono tutte cattive e opportuniste, che ci sono dei lati positivi che forse non hanno considerato, che hanno tante cose belle a cui non danno importanza) non andrà mai bene, perché loro...cinici masochisti...hanno capito prima di te come va il mondo, cioè disastrosamente male! E guai se provi a fargli cambiare idea....la folle da evitare saresti tu!!!

Purtroppo c'è il rischio elevato che i pessimisti contagino chi gli sta intorno, rendendolo altrettanto musone e negativo. Ed è un circolo vizioso, perché il pessimismo porta alla depressione e la depressione al pessimismo, creando un vortice di risucchio da cui non si esce più.

Oggi purtroppo scarseggiano qualità come l’entusiasmo e la capacità di stupirsi, la voglia di fare delle sorprese per il gusto di farle (io adoro fare le sorprese!!), le persone sono abituate al negativo e alla noia, non sanno più farsi accendere da nessuna passione...ignorano le loro fortune perché concentrano l’attenzione solo e rigorosamente sulle sfortune. Il paradosso è che spesso le persone più entusiaste e ottimiste sono proprio quelle che avrebbero meno motivi per esserlo......pensate ai bambini meno fortunati, i bambini cubani con poco con cui vivere ma che ballano e ridono nelle strade celebrando la vita (la saggezza dei bambini a cui dovremmo ritornare).

 

L’ottimismo non è una dote intrinseca della persona, che se non ce l’hai sei fregato....L’ottimismo è un modo di vivere che s’impara, esattamente come andare in bicicletta. Non è sinonimo d’ingenuità e irrazionalità, come molti credono  perché l’ottimismo porta a considerare oggettivamente la realtà, per poi evidenziarne gli aspetti positivi.
L’ottimista non si crogiola nel dolore, ma reagisce.....cerca gli appigli necessari a rialzarsi, e si rialza sempre! Non teme il cambiamento, a contrario del pessimista che vorrebbe che le cose rimanessero sempre uguali, perché sa di avere la forza di assecondarlo. Non rimugina giorni-mesi-anni sugli errori, perché sa di poter trarre insegnamento da ogni passo falso per non commetterlo più in futuro. Non teme gli imprevisti, perché sa che possono sempre tramutarsi in opportunità. Non è ossessionato dal passato, ma si gode il presente e lavora per un felice futuro.
Si dice anche che l’ottimismo non solo aiuta a vivere meglio, ma migliora anche la forma fisica: rallenta lo sviluppo di alcune malattie, aumenta le difese immunitarie e si suppone, da alcuni risultati scientifici, che permetta di vivere più a lungo.....un po come il maestro Yoda!

Insomma.....cosa aspettiamo a diventare ottimisti?

 

Possiamo cominciare da subito, ora, immediatamente.... individuando tutte le cose belle che abbiamo nella vita, le fortune che abbiamo avuto e le possibilità del futuro....e sorridiamo!!!! Sorridiamo tanto...sorridendo, a noi stessi nello specchio ( non è una cosa da cretini, fidatevi che serve) e soprattutto agli altri anche se non viene ricambiato noi sorridiamo comunque! Un sorriso può guarire più turbe mentali di un battaglione di psicologi, è come un raggio di sole che disperde la nuvola nera sopra la testa.

E se questo articolo non vi ha ancora convinto......siete un caso disperato!!! :-)

Ovviamente scherzo...ma se non siete ancora convinti vi chiedo di fare solo una prova di una settimana...sforzatevi a non lamentarvi, a vedere il lato positivo e a sorridere alla vita...vedrete già da subito dei grandi cambiamenti nell'animo e sono certa che vi convincerete di quanto scritto fin qui.

 

 

 

 

 

Please reload

 

©2018 by IL VELO DI MAYA: OSSERVARE LA REALTÀ OLTRE L’ILLUSIONE. Proudly created with Wix.com