Our Recent Posts

October 18, 2020

October 4, 2020

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

RICONOSCERE QUANDO STA PER TRABOCCARE IL VASO

July 7, 2019

Non so a voi ma a me più di una volta mi è salito "il mostro" che ha preso possesso di mente e corpo facendo più danni che altro…uno pensa che sia uno sfogo invece ti ritrovi a raccogliere ancora più cocci di quelli che inizialmente pensavi di avere...

Io credo che questo sia dovuto ovviamente all'accumulo. Non accediamo al potere di Adesso, rimaniamo attaccati al passato a tutti i rancori, le ferite, le delusioni, comprendendo i dolori che si sono patiti da piccoli e che spesso sono alla base di tutto.

Questo dolore accumulato è un campo di energia negativa che occupa il corpo e la mente; è il corpo del dolore emotivo! Può essere attivo o inattivo ma quando è ‘carico’ persino un pensiero o un commento innocente espresso da una persona cara possono attivarlo…la famosa goccia che fa traboccare il vaso!

 

Se ci fate caso quando un corpo di dolore è attivo i pensieri ed i sentimenti che si nutrono nei confronti della vita diventano profondamente negativi e soprattutto AUTODISTRUTTIVI!

Ti guardi allo specchio e pensi di conoscere quella persona ma all'improvviso ti trovi di fronte una creatura estranea e malvagia, ma che va osservata bene per poterla affrontare. Bisogna fare caso ad eventuali segnali di infelicità dentro di noi, sotto qualsiasi forma: irritazione, impazienza, malinconia, desiderio di offendere, rabbia , ira, la necessità di fare una scenata in una relazione sentimentale (qui sono un esperta!) e cosi via….questi sono tutti segnali che ho notato essere causati dal corpo del dolore che si ‘risveglia’.

 

 

Il nostro compito…e qui viene il difficile ma fondamentale….è coglierlo nell'istante in cui si risveglia e ‘dargli un colpo in testa’...tanare la pressione della pentola quando sale!!!! Il dolore si alimenta attraverso noi, prende il sopravvento, richiede energie negative come quelle di cui è formato e creerà dolore ancora e ancora….il dolore si nutre solo di dolore e senti il bisogno di altro dolore diventando cosi anche autodistruttiva e sabotatrice di te stessa. Hai bisogno di infliggere dolore o di soffrire, o di entrambe le cose :-(

 

Ovviamente tutto ciò quasi sempre accade in maniera  inconsapevole…ma che succederebbe se fossimo capaci davvero di riconoscerlo? Di poterlo controllare in maniera conscia?

Se lo vediamo per quello che davvero è, lo osserviamo e lo avvertiamo dentro di noi…in quel momento ne diventiamo consapevoli e l’identificazione con questo corpo di dolore viene meno…perché finalmente siamo PRESENTI, ritrovando la nostra forza intrinseca e raggiungendo il potere di ADESSO!

 

Perciò come fare a non cadere più nella trappola e non identificarci più con quell'energia negativo e autodistruttiva? Eh... c’ho pensato più volte e sono arrivata alla conclusione che è molto più facile di quello che pensiamo!

Accettiamo il dolore e la sua esistenza, non lasciamo che la sensazione diventi pensiero (sappiamo che i pensieri sono creatori per carità!), non giudichiamo e soprattutto non giudichiamoci, non analizziamo!!! Semplicemente restiamo presenti, consapevoli…e soprattutto questa per me nuova parola che adoro….restiamo CENTRATI!

Guardiani, sempre allerta, del nostro sacro spazio interiore!

 

 

 

Please reload

 

©2018 by IL VELO DI MAYA: OSSERVARE LA REALTÀ OLTRE L’ILLUSIONE. Proudly created with Wix.com