Our Recent Posts

October 18, 2020

October 4, 2020

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

E’ UN AMORE SANO?

July 28, 2019

Come tutte le sfide che si accettano, anche lo stare insieme deve mantenere ben chiari i limiti non valicabili, le regole, che siano rispettosi di entrambe le parti. Il rischio che altrimenti si corre è di vivere un amore non corrisposto e pertanto di farsi e fare del male.

 

Sempre più spesso ahimè inciampiamo in degli amori non corrisposti…in essi esiste una componente di ossessività: pur d avere l’oggetto del desiderio si passa sopra a tutto e quindi non si rispettano più le regole.

Da dove deriva questa ostinazione nel cercare di conquistare a tutti i costi un uomo che sfugge e che ci fa sentire sole e poco amate? Perché si desidera un uomo che non ci ama mentre partner più disponibili e adeguati vengono bollati come poco interessanti e non suscitano nessuna attrattiva?  Qualcuno di mia conoscenza direbbe che siamo ancorate al rifiuto…

 

La risposta a queste domande va ricercata a mio avviso nelle famose 5 ferite dell’infanzia (articoli che riproporrò a breve perché fa sempre bene un ripassino). In genere, le persone che si aggrappano a rapporti insoddisfacenti sono cresciute in una famiglia che non le ha valorizzate, hanno una scarsa autostima e ripongono nel rapporto di coppia tutte le loro aspettative di realizzazione personale.  Il partner che amano diventa la loro ragione di vita perché soltanto nella misura in cui si sentono amate possono pensare di essere amabili e di valore qualcosa.

 

Le persone con queste problematiche avrebbero un gran bisogno di avere al loro fianco dei compagni presenti e affettuosi, purtroppo tendono ad essere attratte solo da uomini e donne  freddi o emotivamente indisponibili, simili ai loro primi oggetti d’amore. Per esempio, nel cercare di ottenere l’amore di un uomo egoista e non innamorato si cerca di vincere la battaglia che si è persa durante gli anni della crescita….quella di farsi amare da un padre sempre altrove perché preso da altro o fisicamente assente.

 

Queste storie partono infatti da un presupposto totalmente sbagliato: quello di poter far innamorare l’ altro grazie al proprio amore incondizionato. La persona che vive un amore non corrisposto è convinta che se sarà abbastanza brava, il partner supererà la sua fobia dell’impegno e le proporrà un rapporto duraturo. Per tenersi questo amore insano giocherà la carta della fidanzata o fidanzato ideale (sexy, dolce, con le stesse passioni, materna/paterno ma non troppo etc), subordinerà i suoi bisogni e desideri a quelli dell’altro ed inutile dirlo non c’è niente di più sbagliato in tutto questo per la nostra persona senza considerare che comunque questi atteggiamenti cosi compiacenti non faranno innamorare nessuno e non farà altro che farci soffrire.

 

L’amore (quello vero) si basa sull’autenticità, sul mostrarsi per quello che si è, con i propri pregi e le proprie debolezze. Il primo passo da fare è quindi rendersi conto che si stanno investendo tutte le energie in un rapporto che non ha i requisiti per funzionare.  Cambiare l’ altro, oltre ad essere una fatica assurda, è una battaglia persa in partenza e rendersene conto è di vitale importanza per fare scelte affettive più sane. Altrettanto importante cercare delle fonti di realizzazione personale alternative alla coppia, imparando ad investire su se stesse e dare valore a ciò che si ha ( amicizie, lavoro , ecc) e a ciò che si è, cosi da lavorare sulla nostra autostima.

 

Nella coppia che ama in maniera sana ci si incontra. Sembra una banalità ma molte coppie non sono veramente insieme. Inseguono l’ideale dell’altro, spesso non vedendo veramente la persona che hanno davanti. Per questo le storie possono finire e far star male, per rendersi conto poi di cercare partner “tutti uguali”, con le stesse caratteristiche, che non ci permettono mai di entrare realmente in contatto con l’intimità di un incontro ben riuscito.

 

Nella coppia sana non ci si mette in condizione di degradare noi stessi, non si accettano compromessi che ci rendano subalterni o portino sofferenza ( accettare tradimenti, maltrattamenti, giochi sessuali che non piacciono etc). Non è questo l’amore che può far crescere e progettare un futuro comune. Non ci sono gradini superiori o inferiori da salire o scendere rispetto all’altro. Non esiste un podio in amore, se ci si sente meno o più rispetto all’altro allora non siamo più nel terreno di un amore sano.

Se la nostra autostima ci fa sentire inadeguati, magari vivendo sempre con la paura che l’altro/a se ne accorga e ci lasci, allora la relazione che stiamo costruendo non ha fondamenta sane e bisogna correre ai ripari.

 

 Amare sano è anche saper stare insieme ma dentro il mondo. Non isolarsi in legami simbiotici che non permettono a nessuno di entrare, né di uscire dallo spazio ristretto della coppia. Dopo i primi periodi, che sono normalmente più di stretto e intenso legame, quasi simbiotico, la coppia deve entrare nel mondo e presentarsi come tale a quello che incontra. Un legame troppo esclusivo non è segnale di salute per la coppia. Se ci si guarda intorno e non si vede più nessuno, perché amici, parenti, colleghi sono stati allontanati, bisogna fermarsi, si sta superando un limite molto delicato. Amare vuol dire anche poter far a meno dell’altro/a in alcuni momenti, lasciare spazi qualora servisse, non restare insieme solo per paura della solitudine, la stessa paura che potrebbe spingere a tradire per avere sempre un “amore di scorta”.

 

La coppia sana si prende cura di sé stessa e di quello che fa insieme. E’ autentica, capace di mettersi in gioco ma senza rischiare la sua identità, pezzi di sé significativi. Lo stare bene, il conoscersi, il saper trovare insieme piaceri comuni, valori comuni anche accettando quanto necessariamente sarà diverso. Essere pronti all’avventura sapendo che l’altro non è la risposta a tutte le domande ma è invece, a sua volta, un mistero che troverà le sue risposte nel tempo e nell’attenzione che si concederà alla propria storia comune, con serietà ed impegno reciproci, giorno dopo giorno…ma soprattutto se siete fortunati da trovarvi davanti qualcuno con cui sentite di poter vivere un rapporto così… mi raccomando…non lasciatevelo sfuggire!!! :-)

 

 

 

 

Please reload

 

©2018 by IL VELO DI MAYA: OSSERVARE LA REALTÀ OLTRE L’ILLUSIONE. Proudly created with Wix.com