Our Recent Posts

October 18, 2020

October 4, 2020

Please reload

Archive

Please reload

Tags

Please reload

LE FERITE INFANTILI E LE INFLUENZE NELLE DINAMICHE DI COPPIA

March 22, 2020

Nella maggior parte delle storie di coppia le lacune dei loro attuali rapporti hanno radici lontane, in esperienze amorose non felici vissute nell’infanzia, che hanno poi condizionato ed influenzato profondamente le successive relazioni amicali e sentimentali, creando una ferita emotiva del ‘non amore’ e della sofferenza.

 

Per raggiungere uno sviluppo psicologico completo abbiamo bisogno d’amore e questo ci può essere dato sotto varie forse. Se i nostri genitori non riescono, per vari motivi, a fornircelo in modo completo, viene a crearsi un ‘buco ’a livello emotivo. Si ottiene amore sotto forme diverse che per noi rappresentano necessità di base indispensabili alla crescita.

Le principali necessità di base sono accettazione, cura, comprensione, incoraggiamento, fiducia, riconoscimento, ammirazione, conferma, rispetto, approvazione, apprezzamento e rassicurazione.

 

I genitori fanno sempre del loro meglio con gli strumenti a disposizione ma purtroppo non sempre sono consapevoli delle reazioni che i loro comportamenti scatenano nei figli. Infatti, laddove queste necessità di base non sono soddisfatte, verranno a formarsi le ferite emozionali. Queste mancanze sono decisive nei primi anni e sono costantemente richiamate nel corso della vita. Dietro ogni emozione che proviamo c’è una necessità che non è stata soddisfatta, crescere senza determinate forme d’amore modifica la storia della nostra vita.

 

 

Questo argomento è stato trattato anche da molti esperti, uno tra tutti lo psicanalista britannico Bowlby e la sua teoria dell’attaccamento che ci fornisce una cornice evolutiva all’interno della quale è possibile capire meglio alcune dinamiche di coppia. Infatti le modalità con cui ci leghiamo affettivamente ad una persona riflettono il modello strutturatosi nel rapporto madre-figlio, poiché proprio su questa relazione si basano le rappresentazioni mentali di se stessi, dell’altro e di se stessi in relazione con l’altro.

 

Chi da bambino ha dovuto implorare amore, barattandolo con ottimi voti, prestazioni sportive performanti o ottima condotta e indipendenza, ha chiaramente subito un torto perché l’amore non si permuta, non è una moneta di scambio. Questo sfortunato bambino, adulto di domani, non sarà capace di modulare l’amore durante le future esperienze di coppia, oscillando tra un desiderio massiccio e mai del tutto appagato di amore assoluto e fusionale (condito sempre e comunque da paura d’abbandono) al non amore, nascondendosi dietro ad una corazza difensiva.

 

Un originaria mancanza d’amore porta con se, con effetto domino, una serie di tante altre mancanze e lacune che inevitabilmente andranno a sfociare nel rapporto di coppia. Le ferite dei ‘non amati’ sono la causa di una mancanza di fiducia di base, di amore verso  se stessi e verso il partner; chi ha sperimentato questa dolorosa ferita avrà serie difficoltà ad amarsi, amare ma soprattutto a lasciarsi amare.

 

Stili di attaccamento:

 

  • Stile sicuro: il bambino sa che nella figura accudente ha un ‘porto sicuro’, la figura accudente è sensibile ai segnali del bambino, disponibile e pronta a dargli protezione nel momento in cui il bambino lo richiede. I tratti che maggiormente caratterizzano questo stile sono la sicurezza nell’esplorazione del mondo, convinzione di essere amabile, capacità di sopportare distacchi prolungati senza nessun timore di abbandono, fiducia nelle proprie capacità. L’emozione predominante è la gioia. Le relazioni interpersonali future in generale saranno improntate sul rispetto di se e dell’altro, sarà portato a ricercare partner che abbiamo la stessa sicurezza.

 

  • Stile insicuro/evitante: il bambino percepisce la figura accudente come qualcuno a cui non chiedere aiuto nel momento del bisogno, poiché tale figura si dimostra inaffidabile, poco presente e spesso rifiutante. I tratti caratterizzanti di questo stile sono l’insicurezza e sfiducia nel mondo esterno, apparente “autosufficienza”, convinzione di non essere amato. Emozione

    predominante è la tristezza. Le relazioni interpersonali future saranno caratterizzate da freddezza emotiva, cercherà in tutti i modi di difendersi da eventuali esperienze rifiutanti. Le relazioni amorose saranno sempre prive di un totale coinvolgimento. Tenderà a non mostrare affetto nelle relazioni.

 

  • Stile ansioso/ambivalente: il bambino percepisce la figura d’attaccamento come disponibile in maniera discontinua; L’esplorazione del mondo risulterà insicura, connotata da ansia. In questi bambini è presente l’ansia da abbandono. Il bambino si percepirà come persona da amare in maniera discontinua. Il sentimento che lo caratterizzerà sarà la colpa.

    Egli sarà più volte trascinato dal vortice della passione, pensando di aver trovato la persona giusta. In realtà, andrà incontro ad idealizzazioni eccessive, svilupperà un modello di persona da amare in maniera discontinua e ad intermittenza. Quando all’interno di una relazione amorosa prevarranno i modelli positivi del sé, come persona degna di amore, allora penserà di essere amato profondamente e rispettato dal partner, ma quando prenderanno il sopravvento i modelli negativi del sé, come persona vulnerabile e non degna di amore, allora sarà facilmente trascinato nel tunnel della gelosia più estrema, dando vita ad una relazione ossessiva, possessiva e autoritaria. Il problema principale del soggetto insicuro-ambivalente è che la sua ansia da separazione è sempre all’estremo.

Alla luce di ciò, ci rendiamo conto di quanto sia importante nella scelta del partner avere ricevuto una “base d’amore sicura” durante l’infanzia, luogo simbolico dove si forma l'autostima.

È possibile guarire? Certo… guarire da queste ferite è possibile, bisogna in primis guardarsi dentro ed imparare ad amare se stessi liberandosi anche da relazioni che logorano. Ciascuno di noi può trasformare le emozioni dentro di sé, accettare il passato e ricostruire il presente.

Buona guarigione…

 

 

 

 

Please reload

 

©2018 by IL VELO DI MAYA: OSSERVARE LA REALTÀ OLTRE L’ILLUSIONE. Proudly created with Wix.com